• SALADIMETTITI

    Il PD Lombardo sta urlando a squarciagola: “Maroni dimettiti!”
    Sta organizzando marce delle dentiere e presentando mozioni di sfiducia.
    Lo fa con un piglio che sembra un vero partito di opposizione.
    Il coordinatore del centrosinistra in regione Lombardia Umberto Ambrosoli afferma stentoreo che le vicende giudiziarie che hanno coinvolto esponenti della Regione “sono un problema politico” e il fatto che “Maroni non se ne accorga è indice della sua inadeguatezza. Per questo deve staccare la spina”.
    Ora però credo che si debba anche avere il senso della realtà e fare i conti con la propria coscienza.
    Perché se Maroni non è adatto a fare il Presidente della Regione Lombardia, allora Giuseppe Sala non è adatto a fare il Sindaco di Milano.
    Perché a Giuseppe Sala ne hanno arrestato più d’uno di braccio destro.
    Antonio Rognoni, capo di Infrastrutture Lombarde, arrestato il 20 marzo 2014.
    Angelo Paris, finito in cella l’8 maggio 2014 con l’accusa di essersi “messo a disposizione” della “cupola degli appalti” di Expo.
    Antonio Acerbo, subcommissario di Sala, responsabile del Padiglione Italia e delle vie d’acqua: arrestato il 14 ottobre.
    Andrea Castellotti, facility manager di Palazzo Italia.
    Pietro Galli, direttore generale vendite e marketing, viene segnalato dal presidente dell’Anac Cantone perché è stato in passato condannato per bancarotta.
    Infine Christian Malangone, il manager più operativo della sua squadra, il direttore generale di Expo 2015. Condannato a 4 mesi di reclusione, in rito abbreviato.
    Mi pare che ce ne sia abbastanza per chiedere le dimissioni di Giuseppe Sala. Da tutte le cariche che possiede. Anche da quella di candidato sindaco di Milano.

    Post Tagged with , , , , ,

facebook comments:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *