NON SI PUÒ RESTARE IN SILENZIO

Oggi il Papa ha definito i matrimoni gay “un’offesa contro la verità della persona umana” e “una ferita grave inflitta alla giustizia e alla pace”.
E visto che la pace va perseguita con ogni mezzo… Ratzinger benedice la promotrice ugandese di una legge contro l’omosessualità che prevede la pena di morte.
Sono indignato.
E credo che restare in silenzio davanti a queste parole e a questi gesti vergognosi sia una grave complicità morale.

facebook comments:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *