I TEMPI DI LORENZ E I CONSUMI DEL SUOLO

Al centro della strada,

i resti di una salamandra

investita da un automezzo.

Una pellicola nera e rinsecchita

ornata di macchie gialle.

Secondo Lorenz:

l’adattamento della sua livrea

ha richiesto tempi che corrispondono

all’ordine delle ere geologiche.

Non a quelle della storia dell’uomo.

Nel frattempo la strada avanza,

il suo nero mantello ha coperto l’orizzonte.

Una colata di cemento

ha occupato il suolo rubato alla natura:

serve fruibilità.

Quante generazioni, rimangono ancora?

Adriano Bellintani

facebook comments:

2 Responses so far.

  1. Mara Saccani ha detto:

    Conosco Bellintani grande poeta della natura che da sempre è stata maestra dell’uomo, solo negli ultimi 50 anni questa straordinaria dima è stata rinnegata.
    Ciao Mara

  2. Adriano BELLINTANI ha detto:

    Credo che Mara SACCANI si riferisca a Umberto BELLINTANI, ovviamente, sono d’accordo con lei.

    Grazie per l’attenzione e saluti,
    Adriano BELLINTANI – NON sono iscritto a Facebook
    (Attenti ai casi di omonimia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *