CIAO VITTORIO

«Questo figlio perduto, ma così vivo

come forse non lo è stato mai,

che come il seme che nella terra marcisce e muore,

darà frutti rigogliosi. Lo vedo e lo sento già

dalle parole degli amici, soprattutto dei giovani,

alcuni vicini, altri lontanissimi che attraverso Vittorio

hanno conosciuto e capito, tanto più ora,

come si può dare un senso ad «Utopia»,

come la sete di giustizia e di pace,

la fratellanza e la solidarietà abbiano ancora cittadinanza

e che, come diceva Vittorio,

“la Palestina può anche essere fuori dell’uscio di casa”».

Egidia Beretta Arrigoni, mamma di Vittorio

facebook comments:

One Response so far.

  1. nunzia.p. ha detto:

    Quella notte avevo dormito male,appena mi svegliai,accesi la tv ed appresi con sgomento quello che era accaduto a Vittorio.Vorrei tanto dire alla sua mamma che non è da tutti crescere figli cosi’ speciali.Anche se la loro vita è spezzata cosi’ presto essi avranno vissuto cento,mille volte piu’ di tanta gente.Vittorio mi è sembrato di conoscerlo da sempre,come si conosce un figlio,perchè io so come sono fatti i ragazzi come lui. Nunzia p.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *