facebook comments:

7 Responses so far.

  1. John ha detto:

    Ho ritrovato questo articolo dal sito dell’Ordine degli Architetti (http://www.awn.it/AWN/Engine/RAServePG.php/P/121971AWN1000/M/26671AWN1006). E così ho scoperto Cassinetta e il suo Sindaco. Un vero piacere conoscervi. Questa esperienza entra a far parte delle mia biblioteca digitale multilingue sulla sostenibilità nella pianificazione urbana, nell’architettura e nel design.
    Sono convinto che solo con una politica urbanistica come questa descritta da Erbani – che porti allo stop del consumo di suolo – si possa parlare seriamente di sostenibilità e predisporre le condizioni per una progettazione sostenibile urbana e architettonica. Il vostro è un esempio straordinario.

  2. Paolo ha detto:

    II vostro processo è caratterizzato da un percorso di sviluppo autosostenibile, fondato su una politica di una corretta gestione del territorio, conosco molto bene la vostra realtà , che non disdegna la tecnologia (di risparmio energetico) riuscendo a conciliare le dinamiche in atto, con una certa “laicità” di pensiero e disponibilità a non cercare facili soluzioni localistiche (utili nel breve, portano quattrini, ma deleterie sul lungo periodo).
    Interessante sarebbe stato riportare un paragone della vostra realtà , con un altro paese non molto distante dal vostro, la mia Vittuone, con linee amministrative e politiche Comunali molto distanti dalle vostre. La terra l’ambiente è come una spugna …assorbe assorbe…poi si satura …e rimette in circolo i veleni con gli interessi.

  3. Laura Spampinato ha detto:

    vivissimi complimenti! Un bel campeggio, però, non ci starebbe male!

  4. davide ha detto:

    Complimenti Domenico

    come mi piacerebbe che fosse sempre cosi …..

    Zanoni prendi appunti di Gestione del Territorio!!!!!!!

  5. Roberto ha detto:

    Non capita tutti i giorni che LaRepubblica possa pubblicare good news invece che cronaca di disastri.
    ….Fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce (per i media)….
    Sarebbe il caso che i media si facessero un esame di coscienza e iniziassero a dare spazio ai Comuni Virtuosi.
    Tutti i giorni, non ogni tanto.
    Un caro saluto, Roberto e Adriana

  6. Roberto Cornelli ha detto:

    Bel colpo, Domenico! Un giusto riconoscimento per quanto hai fatto e stai facendo. Ti aspettiamo ancora nel Nord Milano.

  7. Alessandro Ledda ha detto:

    Seguo sempre con grande ammirazione. Complimenti vivissimi anche da parte mia, in riferimento a quanto dice Paolo della sua Vittuone invece, colgo l’occasione per dire che i paragoni potrebbe portarli lui stesso come hanno fatto alcuni cittadini nervianesi attraverso il blog: http://nerviano.blogspot.com
    Il Sindaco Domenico Finiguerra, non potrà fare molto per i nostri comuni gestiti alla vecchia maniera, ma le sue lezioni pratiche sono proprio ciò che mancava in Italia. Credo e spero che ognuno sappia cogliere i suoi insegnamenti, riflettendo questa buona cultura attraverso un sano e civico impegno individuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *